After Brexit: qualche idea per cavarsela in Gran Bretagna

Blog di Gabriele Caramellino per Nova 100 de “Il Sole 24 ore”

Nel frattempo, Theresa May è diventata Primo Ministro del Governo britannico e Boris Johnson è stato nominato Ministro degli Esteri della Gran Bretagna.

La Brexit ha innescato una serie di conseguenze che nel corso del tempo avranno degli effetti, come è fisiologico che sia quando una economia europea importante, come quella britannica, si distacca dall’Unione Europea.

Gli inglesi sono un popolo molto pragmatico: sapranno trovare i modi per gestire l’uscita dall’Unione Europea, e nel medio-lungo periodo si arriverà a nuovi equilibri.

La maggior parte dei residenti a Londra aveva votato per ilRemain, ma ciò non è stato sufficiente per superare il voto espresso nel resto del Paese. Nel caso della capitale inglese, bisogna valutare anche l’impatto del Leave sul mercato finanziario e sul mercato immobiliare: due assets importanti per Londra.

A questo punto, una domanda: chi guadagna dalla Brexit? A pensarci bene, possono essere le società di consulenza fiscale e revisione contabile, società di consulenza strategica, studi legali.Francesco Ragni, direttore della testata online Londra, Italia, ne ha scritto qui.

Per gli italiani che vivono e lavorano in Gran Bretagna, la Brexit è stata un evento abbastanza inatteso. Ma ci sono notizie interessanti anche su questo fronte.

Italians Card è la carta di credito destinata a chi desidera acquistare prodotti e servizi realmente italiani a Londra e nel resto della Gran Bretagna. Si tratta di una carta-fedeltà ideata dai2i – Italians to Italians: il fondo d’investimento guidato dal finanziere Matteo Cerri, residente a Londra. Sul territorio britannico, i2i ha sviluppato convenzioni con una rete di professionisti italiani che gestiscono attività commerciali, in numerosi settori: ristoranti, negozi di abbigliamento, studi legali, agenzie di viaggio, commercialisti, consulenti. Chi è titolare unaItalians Card accumula punti durante gli acquisti effettuati negli esercizi convenzionati, riconoscibili tramite una apposita vetrofania. I punti accumulati danno diritto a sconti, e al raggiungimento di almeno 500 punti si può iniziare a chiedere il bonus negli esercizi convenzionati. La card è disponibile in tre versioni: la White è la versione di base. La Pink e la Black(quest’ultima solo su invito) sono due Mastercard valide anche come metodo di pagamento. Per fare un esempio: 1500 punti su una White card valgono 15 sterline di sconto. La card è dotata di un QR Code, attraverso cui il cliente può caricare i punti sul proprio account durante gli acquisti. L’idea è quella di incoraggiare l’acquisto e il consumo di prodotti di qualità realizzati da aziende e professionisti italiani, sia tra gli italiani che vivono in Gran Bretagna sia tra coloro che sono attratti dalle produzioni Made by Italians.

Dal punto di vista lavorativo, inoltre, è aperta la ricerca di personale medico-sanitario in Gran Bretagna: CV&Coffee – l’agenzia di recruitment guidata da Teresa Pastena a Londra – è disponibile a selezionare medici, infermieri, fisioterapisti, personale di supporto tecnico-sanitario per il sistema sanitario britannico (sia pubblico sia privato). Oltre all’ottima padronanza della lingua inglese, bisogna avere le certificazioni necessarie per operare nel settore medico-sanitario. Per informazioni: qui.

Tra le organizzazioni che si occupano di italianità in territorio britannico, con particolare attenzione all’aspetto lavorativo-commerciale, ci sono anche The Italian Community, guidata da Alessia Affinita, e The Italian Project, guidata da Daniela De Rosa.

Tra le associazione di italiani più longeve in Gran Bretagna, c’èItalians of London, fondata a metà degli anni Novanta da Giancarlo Pelati. Dal 1997, Italians of London organizza una cena di Ferragosto per gli italiani che si trovano a Londra il 15 agosto, per informazioni su quella di quest’anno: qui. Inoltre, Italians of London e Pizza Rossa – la pizzeria-startup guidata da Corrado Accardi e Luca Magnani a Londra – organizzano periodicamente eventi ludici e gastronomici nella sede di Pizza Rossa, 4-12 Whittington Avenue EC3V 1AB London. Per informazioni: info@pizzarossa.com.

Last but not least, a livello istituzionale, alle ore 20:15 italiane di oggi, su Radio Radicale, Pierluigi Puglia, responsabile comunicazione dell’Ambasciata della Gran Bretagna in Italia, parlerà dei rapporti tra la Gran Bretagna e l’Italia. Come è noto, dal 25 luglio 2016 è in carica il nuovo Ambasciatore britannico in Italia: Jill Morris.

That’s all, for now.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...