Vivere e lavorare in Spagna è possibile!

Di Valentina Turchi per “Italians in Madrid

Ormai sono 2 anni e mezzo che sono in Spagna ed ho tantissime cose da raccontare su questa mia “avventura”.

Sono arrivata a Madrid a fine giugno del 2011, con una laurea in tasca e un livello molto basso di spagnolo (l’inglese l’ho sempre parlato bene ma qui non serve a niente dato che la maggior parte delle persone non lo parla).

Quando decisi di partire non sapevo bene cosa volevo, la verità è che avevo una grande confusione in testa perché purtroppo è dopo l’università che arriva il difficile perché ti ritrovi spaesato e l’unica domanda che hai in testa è “e ora?”.

Ho sempre sognato di fare un’esperienza all’estero ed ero già stata diverse volte in Spagna, quindi, ho scelto Madrid perché è una delle mie città preferite in assoluto ed anche perché lo spagnolo è abbastanza semplice da imparare.

All’inizio è stata dura, lontana da tutti e in un paese straniero.

Sapete, per quanto lo spagnolo possa essere simile all’italiano, è difficile comunicare se non si ha almeno un livello intermedio. Ed io che tentavo di parlare in inglese nei negozi!

Vabbè col tempo ho capito che era meglio mettermi ad imparare lo spagnolo! E così ho fatto, l’ho imparato per conto mio, aiutandomi con il meraviglioso wordreference, gli scambi di lingue e, soprattutto, sbagliando e facendomi correggere.

Devo dire che sin dall’inizio ho avuto modo di fare colloqui di lavoro, ma un po’ per la lingua ed un po’ per il rapporto sproporzionato tra domanda e offerta, sono riuscita a concludere ben poco.

Ovviamente a lavorare ho lavorato in questi 2 anni, anche se in maniera discontinua.

All’inizio ho lavorato come commessa e promoter, lavori che mi hanno permesso di migliorare moltissimo il mio spagnolo parlato e, soprattutto, di diventare più estroversa e aperta.

Tutti mi dicevano “perché non cerchi lavoro nelle scuole di lingue come prof. di italiano?”.

Beh ci ho provato, ma la verità è che se non hai esperienza e non hai le qualifiche giuste, non ti prendono.

Sono riuscita solo a lavoricchiare dando lezioni private di italiano, ma nulla di serio.

Ho fatto la cameriera per una settimana in un ristorante italiano, esperienza che sinceramente non ricordo con piacere…non ho resistito più di una settimana!

Tutti dicono “vado all’estero ed inizio facendo il cameriere”. Beh io vi dico “non è così facile come sembra!”, soprattutto se non hai esperienza e non ti danno nemmeno la possibilità di acquisirla.

Quindi, diciamo che fino a fine 2011 ho fatto un sacco di cose, non mi lamento. Il brutto è venuto a fine anno, quando lavoravo come promoter in vari centri commerciali.

All’inizio è stato divertente ma poco a poco mi sono resa conto che avevo bisogno di qualcosa di più serio e stabile, per cui mi sono messa a cercare un altro lavoro mentre continuavo a lavorare come promoter.

Beh mi contattarono per un colloquio di lavoro come ingegnere civile (che è proprio quello che ho studiato) ed andò bene…apparentemente!

Poi mi ricontattarono per il secondo colloquio dopo pochi giorni ed alla fine mi dissero che avevano scelto me per quel posto di lavoro.

Non immaginate la felicità! Chiamai il mio ragazzo, la mia famiglia, lasciai il lavoro di promoter…avevo una data d’inizio (ricordo ancora, il 9 gennaio del 2012), mi avevano persino detto a che ora mi sarei dovuta presentare lì per il mio primo giorno di lavoro.

Per cui tutta contenta prenotai il volo per l’Italia e passai 15 meravigliosi giorni con la mia famiglia (vacanze di Natale), ma purtroppo a 2 giorni dalla partenza per Madrid mi chiamarono per dirmi che l’azienda aveva avuto problemi e, quindi, non potevo iniziare a lavorare quel giorno, e che mi avrebbero richiamata alla fine del mese per farmi sapere quando avrei iniziato a lavorare con loro.

Non immaginate come mi sono sentita.

Il mondo mi è letteralmente crollato addosso. Ma, senza perdermi d’animo, ho scritto una e-mail al mio presunto capo, chiedendogli spiegazioni di tutto ciò e lui mi ha assicurato più volte che quel posto di lavoro era mio e che non mi dovevo preoccupare.

Beh morale della favola sono tornata a Madrid ed hanno continuato a rimandare la mia data d’assunzione per 1 mese e 1/2 fino a quando non mi hanno chiamato per dirmi che non mi avrebbero assunta perché per il momento non avrebbero dato a nessuno quel lavoro…però, nel caso in cui avessero riaperto il processo di selezione io sarei stata la prima ad essere chiamata.

lavoro-in-spagna

Da quel momento non ho più sentito questa gente. Però, intanto ero di nuovo a Madrid, stavolta senza lavoro e con un ragazzo (si, è uno dei motivi per cui sono tornata a Madrid).

Da lì ho iniziato a cercare lavoro disperatamente ma purtroppo nessuno mi chiamava nemmeno per fare un colloquio. Non so quante volte ho letto la parola “descartada” (scartata) su infojobs.net!

Alla fine sono riuscita ad entrare in un programma che organizza la Electronic Arts per formare 40 tester linguistici di videogiochi provenienti da tutta Europa.

Pagavano poco ma era meglio di niente, soprattutto perché c’erano buone speranze che ci avrebbero assunti in estate…e così è stato, peccato che alla maggior parte di noi sono stati offerti contratti di pochi mesi! Altra delusione…

Ed infine a settembre sono riuscita a trovare un altro lavoro, praticamente come traduttrice (italiano-spagnolo) in un’azienda di ingegneria ambientale, ma purtroppo nemmeno questo lavoro è durato a lungo dato che per legge non potevano pagarmi come una tirocinante (becaria) e, ovviamente, hanno cercato una scusa per liquidarmi e cercare una persona da pagare meno.

Da quel momento, e dopo le varie brutte esperienze che avevo accumulato, non ho più avuto voglia di cercare lavoro seriamente.

Si, ci provavo, ma senza convinzione (tipo mandare il CV sui vari siti per cercare lavoro senza lettera di presentazione) . Ho iniziato a lavoricchiare come traduttrice freelance tramite il sito Elance e, grazie a questo sito, sono riuscita a guadagnare qualcosa ed iniziare ad avere una sorta di stipendio fisso mensile, ma nulla di soddisfacente perché lavoravo tanto e guadagnavo veramente poco.

La svolta è arrivata quando mi sono iscritta per caso ad un corso di e-commerce e community management gratuito, uno dei tanti corsi che organizzano a Madrid per i disoccupati e non.

Il corso è durato poco (circa un mese), ma mi ha aiutato a tornare in carreggiata. Ho ricominciato a svegliarmi presto, uscire tutti i giorni, vedere gente e, soprattutto, imparare qualcosa di nuovo ed interessante. Questo corso mi ha aiutato molto ed è stato un nuovo stimolo per ricominciare con la mia ricerca. Si dice che il pensiero positivo attrae cose positive. Forse è vero.

Fatto sta che ho ricominciato a cercare lavoro attivamente e mi hanno ricominciato a chiamare per fare colloqui. Il giorno dopo la fine del corso ho fatto il colloquio per l’azienda dove lavoro attualmente come Content Manager e Trafficker ed ancora stento a credere che finalmente ho trovato un lavoro serio!

Mi sono resa conto di essermi dilungata parecchio, però, quello che vorrei dire a tutti coloro che stanno cercando lavoro, che vivano in Italia, in Spagna, o in qualsiasi altro paese, è che non è facile trovare lavoro! Forse siamo noi che spesso non sappiamo nemmeno cosa cercare e come cercarlo. Forse non siamo nemmeno convinti di volerlo fare. È molto importante invece avere le idee chiare e, soprattutto, essere molto positivi. Sembrerà assurdo ma la positività attrae altra positività.

Non saprei se consigliarvi o meno di cercare lavoro in Spagna. Madrid è una città bellissima e ci si sta bene. I prezzi in generale non sono alti (stanze in affitto, cibo, vestiti, etc.) e la gente è molto ospitale. Ma nonostante tutto, la crisi c’è e si sente. Per cui non consiglio a nessuno di venire qui “all’avventura”…ma se già partite con un buon CV (ovvero con qualche esperienza significativa) è un altro discorso!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...